Officine in formazione passouno Piccolo museo della poesia Piacenza
1

A Piacenza una serata di pura poesia

L’arrivo a Piacenza è stato solo l’inizio di una serata che si è rivelata sorprendente.
Siamo stati accolti a braccia aperte dal poeta Claudio Arzani e da Giusy Cafari Panico (bibliotecaria e poetessa piacentina) che, grazie al Direttore Massimo Silvotti, assente per impegni personali, hanno messo a disposizione il Piccolo Museo della Poesia di via Pace, un angolo magico e denso di pensieri, parole e libri, ma soprattutto di persone disponibili all’ascolto e alla condivisione.
Il Museo è stato inaugurato da pochi mesi, ma già si dimostra un luogo di fermento, aperto allo scambio di idee e alla promozione della cultura, oltre ad essere scrigno di cimeli letterari, lettere originali e copie personali di grandi autori, poeti e scrittori del passato.

Poche sedie disposte a cerchio in stile terapia di gruppo (Ciao siamo le Officine del Tempo e amiamo ancora guardarci negli occhi. Ciaooo Officine del Tempo), dove ognuno di noi ha fatto outing presentandosi e raccontando del proprio coinvolgimento nel progetto, in un ritmo crescente con botta e risposta tra prosa e poesia.
I poeti Carla DelMiglio, Anna Bassi e Ottavio Torresendi (narratore dei Volatori Rapidi) ci hanno regalato la lettura di racconti brevi e poesie, ispirati  dai temi introdotti dal team delle Officine in formazione.
Col passare dei minuti, è cresciuta la sintonia e così ci siamo confrontati, scambiando idee e riflessioni, fino a che, quasi senza accorgercene, si è creata un’atmosfera famigliare, così tanto da spingere Corrado ad alzare un dito e chiedere se avessimo voglia di trasferirci a casa sua per continuare la conversazione davanti a un piatto di pasta.
Come si fa a rifiutare? Infatti non abbiamo indugiato.
In poco tempo ci siamo ritrovati a scorrere in Strä Drita (via XX Settembre, nota per i suoi balconi in ferro battuto) da piazza Duomo e piazza Cavalli dove si stava svolgendo il Piacenza Blues Festival.
I nostri amici poeti ci hanno raccontato storie interessanti sulla Primogenita, e ci hanno accompagnato alla scoperta di questa città ingiustamente poco considerata, fino a mostrarci una vista suggestiva della città dall’alto ch ci ha emozionato e riempito gli occhi.

IMG_7489

Abbiamo parlato e condiviso esperienze di vita e visioni future, Corrado, che abbiamo scoperto essere attore e regista, è stato un ottimo padrone di casa, anche grazie alla collaborazione di Ottavio ai fornelli.
Dopo due giorni di vagabondaggio ci siamo sentiti come a casa e questo ci ha ricaricato fisicamente e mentalmente.
Grazie ragazzi per aver condiviso con noi la poesia di una cena estiva sul terrazzo.
Un momento prezioso che questo percorso iniziato da poco ci ha regalato, speriamo il primo di tanti.

Condividi per sostenerci!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Laura Callari

One Comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*