Cosa sono le officine del Tempo

Cosa sono le Officine del Tempo

Cosa sono le Officine del Tempo

Cosa sono le Officine del Tempo

Cosa sono le Officine del Tempo

Il progetto prevede l’acquisizione e la ristrutturazione di una ex area industriale a Milano da riconvertire e restituire alla comunità, attraverso la realizzazione di alloggi a basso costo per famiglie e studenti, un parco, un asilo, un orto – giardino, un teatro, aule e laboratori per arti e mestieri, botteghe artigianali, mense e bar, studi, uffici condivisi, una biblioteca e uno spazio dove poter fare musica.

Le strutture saranno realizzate mediante il recupero del costruito, il riciclo dei materiali e l’utilizzo di energie rinnovabili .

Le Officine Del Tempo sono un progetto estremamente concreto, immaginato a Milano, la città italiana simbolo della frenesia e del consumismo, ma contemporaneamente, quella più aperta all’internazionalizzazione.

Il progetto vede la struttura divisa in tre blocchi collegati al centro da un ampio spazio aperto dedicato alla natura, in parte ispirato alla storica Bauhaus.

Nelle Officine del Tempo, il baricentro è costituito dalla collaborazione tra persone e dal contributo che ogni individuo offre alla comunità, basandosi sulle proprie caratteristiche uniche ed irripetibili.

Lo spazio aperto, alla luce del sole, è stato immaginato come un collegamento tra i tre blocchi edilizi che disegnano i lati della struttura architettonica. Ci saranno: parco giochi; orto urbano e giardino per la coltivazione e l’auto sostentamento della comunità; asilo, utilizzabile sia in estate sia in inverno; spazi da destinare a piazza di incontro della comunità.

Il primo blocco è destinato a funzione abitativa con più di una dozzina di abitazioni ed una pensione per ospitare circa cinquanta persone, come studenti, visitatori e operatori della struttura.

Il secondo blocco ospiterebbe la sezione operativa e creativa delle Officine con un teatro, aule per la musica, laboratori tecnici ed artistici, botteghe artigianali, laboratori di recupero materiali e energie rinnovabili, officine meccaniche.

Nel terzo blocco, la testa della struttura, immaginiamo di ricavare lo spazio per l’installazione di uffici condivisi e aule per la meditazione, lo studio, una biblioteca e gli uffici direttivi.

Il piano di gestione che abbiamo delineato permette alle famiglie di disporre di una casa dignitosa con un costo pari alla metà del prezzo del mercato capitalistico e la possibilità di usufruire di un asilo con parco giochi, palestre, aule, laboratori e magari avere la propria attività produttiva all’interno del complesso edilizio.
L’affitto delle abitazioni a canone solidale e degli spazi commerciali, rientrerà nel piano di gestione della struttura per una cifra necessaria a compensare, la manutenzione e la gestione degli impianti e delle attrezzature, l’acquisto di altre strumentazioni e la creazione di attività per la comunità.

Lo spazio sarà studiato nei minimi dettagli per evitare gli sprechi e la dispersione di energia, attraverso sistemi passivi e produzione di energia con pannelli fotovoltaici. L’utilizzo di energie alternative e l’installazione di pannelli fotovoltaici e termici, provvede interamente al soddisfacimento del fabbisogno energetico, garantendo anche un’entrata finanziaria derivante dall’immissione di energia pulita nella rete nazionale.

L’organismo che si occuperà del raccoglimento dei fondi sarà costituito in un primo momento da un Comitato promotore e poi da una Fondazione di partecipazione, entrambi saranno organismi trasparenti con la finalità di raccogliere i fondi necessari allo sviluppo delle opere e garantire le necessaria diffusione delle idee.
L’avvio delle procedure per la realizzazione della struttura, così anche la sua gestione amministrativa, richiederà una forza lavoro composta da artigiani, artisti e professionisti, generando così offerta di lavoro. L’investimento che ognuno farà su questo progetto sarà completamente restituito se non si raggiungerà entro alcuni anni la somma necessaria per far partire il progetto, e la rendicontazione di tutte le spese sarà trasparente e liberamente consultabile via web. La cifra raccolta servirà per comprare l’area dismessa e ristrutturarla in modo tale da renderla idonea per le attività, gestire la procedura per la progettazione del complesso, i lavori e la gestione amministrativa, effettuare i lavori di bonifica e ristrutturazione dell’immobile, comprare e realizzare tutte le apparecchiature, strumentazioni e allestimento degli spazi interni e garantire lo start up delle attività per i primi anni.
Le Officine del Tempo saranno uno spazio della Comunità fruibile da tutti e le entrate che genereranno, saranno indirizzate alla sua crescita, a favorirne l’utilizzo da parte degli utenti, alla costruzione di altre Officine in Italia e nel mondo.

Vedi anche i Principi universali e particolari .

Condividi per sostenerci!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone